Tesla Model S: al debutto la berlina elettrica definitiva

di Andrea Zuanni - 30 marzo 2009

tesla.jpg

Dopo mesi e mesi di voci, disdette, difficoltà, speranze e processi in tribunale il travagliato progetto del secondo attesissimo modello elettrico Tesla è arrivato ad un lieto fine. In mattinata le prime immagini della nuova Model S sono apparse sul profilo di Twitter di Kevin Rose, fondatore della casa. Nella serata la presentazione ufficiale in un capannone di Los Angeles.

Si tratta di una vera berlina coupé d’alto di gamma, lussuosa e sportiva, che sorprende da subito per la pulizia e l’eleganza delle linea e per il prezzo americano, che grazie agli ecoincentivi dovrebbe mantenersi al di sotto dei 50 mila dollari. La propulsione, come sulla velocissima Roadster, sarà esclusivamente elettrica.

Le forme sono slanciate, con alcune citazioni delle più recenti e apprezzate vetture del segmento, come ad esempio il posteriore della Jaguar XF. Il risultato estetico è senza dubbio apprezzabile, senza folli slanci di creatività, ma con la capacità di convincere un pubblico ampio e disparato, anche quello oggi fortemente attaccato ai marchi premium più classici: di sicuro capace di distruggere i pregiudizi che le auto elettriche debbano assomigliare ad elettrodomestici con le ruote.

Tesla Model S - il posteriore

All’interno spicca uno schermo touchscreen di dimensioni mai viste (17 pollici!), che dovrebbe costituire la console centrale, sostituendo i tradizionali pulsanti. Il modello di serie infatti integrerà collegamento a Internet 3G e HD e radio satellitare.

Tesla dichiara uno spazio “superiore a quello di una station wagon”, e posti a sedere per cinque adulti e due bambini (seduti in senso contrario alla marcia). Gli interni sono rivestiti di pelle naturale senza cromo realizzata in Italia e rivestimenti in PET 100% riciclabili.

Ma guardiamo alle prestazioni. Viene dichiarata un’autonomia superiore a 482 km con una ricarica veloce (a 440V) di soli 45 minuti, oppure 4 ore da una presa normale. Inoltre le batterie si potranno cambiare e alternare con altre già caricate in 5 minuti. E già questi dati, se confermati in produzione, sono di rilievo. A prezzo minore saranno disponibili pacchi batterie da 260 o 370 km di autonomia.

L’accelerazione 0-100 km/h avviene in 5,6 secondi (valore comparabile con quello della Porsche Cayman S, a titolo d’esempio), e la velocità massima raggiunge i 193 km/h. Tutto ciò nonostante un peso non indifferente di 1735 kg (550 sono del pacco pile). Valori d’eccezione.

Altrettanto impressionante la frenata, garantita da freni Brembo a 6 pistoncini davanti (con dischi da 40 cm) e 4 dietro, che permettono di fermarsi da 100 km/h in 41 metri. In futuro sarà disponibile anche la trazione integrale.

Sono dati che sbaragliano la concorrenza elettrica, tradizionale, e di qualsiasi tipo. Senza contare che in USA si potrà avere da fine anno ad un prezzo convertibile in 37 mila euro.