Audi: nei nuovi spot, i 4 anelli contro tutti

di Danilo Di Martino - 19 febbraio 2010

audi-bmw-mercedes-concessionaria.jpg

In occasione delle olimpiadi, l’Audi ha presentato due spot che definire “pubblicità comparativa” è riduttivo; sarebbe meglio definirli come due spot provocatori, visto il contenuto.

Presi dallo spirito competitivo di Vancouver, infatti, la voce narrante dell’Audi descrive con disprezzo BMW, Lexus e Mercedes, una dopo l’altra e senza esclusione di colpi, proprio come una squadra tende a provocare gli avversari prima di un big match. Ma come reagiranno i diretti interessati?

Nel primo video, soprannominato friendly competition (gara tra amici), lo scherno è dedicato solo alla BMW, con un’introduzione ad effetto:

In qualsiasi competizione tra amici c’è un vincitore e un perdente, un primo e un secondo classificato, che alla fine capisce di aver fallito. I nostri amici alla BMW sanno esattamente come ci si sente

Il tutto è riferito ai 3 test comparativi Q5 vs X5, A6 vs serie 5, S4 vs M3, in cui la BMW si è piazzata dietro all’Audi.

Nel secondo spot, nominato Incantesimo, i possessori di Lexus, Mercedes e BMW descrivono le loro auto come se fossero sotto incantesimo; diranno che le Lexus sono prevedibili, le Mercedes sono per tutte le persone “omologate”, e le BMW sono per chi intende “fare colpo”. Quando poi per strada passa un’Audi, l’incantesimo si rompe e come per magia tutti vengono attratti dai “4 anelli”.

[youtube e16QgD5-aLc]

[youtube K3zSL-OyJEw]