Egnos: la rivoluzione europea nella navigazione GPS

di Cristiano Ghidotti - 2 ottobre 2009

gps.jpg

Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione Europea Trasporti, ha annunciato oggi la messa in atto di un programma finalizzato al miglioramento della navigazione GPS, grazie allo sfruttamento di tre satelliti in orbita geostazionaria sopra il vecchio continente e alla realizzazione del sistema Egnos, che potrà essere liberamente sfruttato da imprese e cittadini.

L’accuratezza degli apparecchi verrà incrementata, passando dai 10 metri oggi misurabili dagli apparecchi, a solo due metri.

I principali risvolti pratici di una tale innovazione sono presto detti: maggiore precisione nei percorsi indicati dai navigatori e possibilità di sviluppare nuovi software e applicativi riguardanti i servizi presenti nella zona in cui si sta transitando.

Ma Egnos, secondo quanto illustrato, porterà benefici anche nell’ambito dell’aviazione civile, del traffico marittimo, nelle operazioni di soccorso e in agricoltura.

Sarà possibile rinnovare la gestione dei pedaggi stradali automatici e consentire controlli più precisi per quanto riguarda le assicurazioni auto “Pay-per-Use”.

Per il suo utilizzo basterà essere in possesso di un ricevitore compatibile con lo standard GPS/SBAS, requisito soddisfatto dalla maggior parte dei dispositivi attualmente commercializzati.