Patente a punti e bonus: ecco come conoscere il proprio “saldo punti”

di Giuseppe Cutrone - 2 luglio 2009

cinque_anni_di_patente_a_punti_5963.jpg

Giusto ieri la patente a punti ha compiuto 6 anni dalla sua introduzione, un tempo idoneo a fare i primi bilanci, ma la “ricorrenza” √® anche un’occasione utile per fare un po’ di chiarezza sul funzionamento di questo sistema.

La patente a punti prevede un bonus di ben 20 punti caricati su ogni patente, un numero che non √® immutabile ma varia in base al comportamento dell’automobilista. Basta commettere un’infrazione di una certa gravit√† per vedere il proprio saldo punti scendere di una cifra corrispondente alla gravit√† dell’infrazione commessa.

Il risultato di tale sistema √® che, in caso di azzeramento dei punti, l’automobilista √® obbligato a sostenere nuovamente gli esami per il conseguimento della patente, il che rappresenta un ottimo deterrente per i guidatori pi√Ļ indisciplinati.

Ma la patente a punti non √® solo un sistema “punitivo” per i meno accorti alla guida, essa √® infatti in grado di premiare gli automobilisti virtuosi, i quali, se per due anni non avranno commesso alcuna infrazione, vengono premiati con 2 punti aggiuntivi al monte punti totale.

Questo meccanismo implica pertanto che, i guidatori che dal 2003 non abbiano commesso alcuna infrazione, si ritrovino pertanto, da ieri, con ben 26 punti accreditati rispetto ai 20 iniziali, un bel guadagno.

Per conoscere il proprio saldo punti e per ogni altra informazione sulla propria patente sono a disposizione due strumenti per il cittadino-autombilista, uno √® il numero 848.782.782 (con il costo di uno scatto alla risposta) a cui si pu√≤ chiamare per essere informati dei dettagli, mentre l’altro √® il sito www.ilportaledellautomobilista.it, su cui sar√† sufficiente registrarsi con i propri dati per avere accesso a moltissime informazioni sulla propria patente e sulle infrazioni eventualmente commesse… se ne parla su oneWeb2.0.it.